Epilobio per la cura della Prostata: il rimedio naturale più efficace

Pubblicato : 09/10/2019 19:46:24
Categorie : Erbe della salute

epilobio prostata

Oggi voglio parlarti dell'epilobio, una pianta medicinale, che ritengo davvero formidabile per la risoluzione di tutti quei disturbi a carico della prostata e dell'apparato urinario (prostatite, ipertrofia prostatica, cistite, ecc.).

Nell'articolo ti spiegherò nel dettaglio che cos'è l'epilobio, dove si trova e come riconoscere la pianta (se vuoi raccoglierla), dove acquistarla e soprattutto quali sono le proprietà, i benefici e gli utilizzi.

Prima di iniziare però vorrei fare una breve premessa riguardo alla varietà di epilobio che è meglio utilizzare.

1. Quale scegliere? Epilobio angustifolium o parviflorum?

epilobio angustifolium
fiore di Epilobio angustifolium

Esistono numerose varietà di epilobio, ma le più studiate e più utilizzate sono:

  • l'epilobium parviflorum (o epilobio dal fiore piccolo);
  • l'epilobium angustifolium (o garofanino di bosco).

Ora, senza nulla togliere al genere angustifolium, che è senza dubbio la pianta che si trova più facilmente in commercio sotto forma di capsule e tintura madre, in questo articolo con il termine di “epilobio” farò riferimento solo ed esclusivamente alla varietà parviflorum.

“Per quale motivo?

Il motivo è semplice.

Prima ancora degli studi scientifici, preferisco basarmi sull'esperienza pratica maturata da medici ed erboristi del presente e del passato, che per anni hanno fatto uso di questa pianta medicinale.

In particolare, una delle mie principali fonti è la famosa erborista Maria Treben. La sig.ra Treben, nell'uso di questa pianta, ha accumulato un'esperienza che davvero in pochi possono vantare.

Nel suo libro “La Salute dalla Farmacia del Signore” – un bestseller mondiale tradotto in 8 lingue, con una tiratura complessiva di oltre 8 milioni di copie – l'erborista riporta alcuni casi di guarigioni incredibili, ottenute proprio con l'uso dell'epilobio parviflorum.

Ecco un breve estratto di quanto riporta nel suo libro, riferendosi all'epilobio:

Il suo potere curativo è talmente grande che spesso libera di colpo da tutti i fastidi prostatici. Si è dato il caso di alcuni uomini che erano in attesa dell’operazione e che urinavano a gocce con grande difficoltà; bastava una sola tazza di tisana per farli migliorare. S’intende che la tisana va bevuta per un periodo prolungato per ottenere la guarigione.

Sempre riferendosi all'epilobio, Maria Treben prosegue elencando alcune testimonianze importanti di guarigione dei suoi pazienti.

Infine sottolinea: non va mai utilizzata, ne raccolta la varietà epilobio angustifolium.

Il motivo, purtroppo, non lo specifica, ma mi fido della sua saggezza e della sua esperienza.

Pur non potendo vantare la competenza di Maria Treben, nel mio piccolo, posso confermare che l'epilobio parviflorum da risultati davvero eccellenti nel trattamento dei disturbi della prostata.

E questo lo vedo tutti i giorni sui miei clienti che lo usano e condividono con me i loro risultati. Ed è proprio grazie ad un mio cliente che ho scoperto questa pianta.

Lascia che ti racconti.

2. La scoperta dell'Epilobio

Fino a qualche anno fa non conoscevo affatto l'epilobio.

Al principio coltivavo poche piante e per lo più l'Aloe Arborescens che consiglio soprattutto per le sue proprietà depurative ed immunostimolanti.

Tuttavia, attraverso lo studio e grazie al suggerimento dei miei collaboratori fidati e dei miei clienti più appassionati (lo ammetto, a volte siete più informati di me!) via via ho scoperto nuove piante meravigliose, tra cui proprio l'epilobio parviflorum.

Nel caso dell'epilobio è stato proprio un mio vecchio cliente (grazie Andrea!) a darmi la “soffiata”.

Andrea conosceva bene questa pianta perché ne aveva già fatto uso in passato, proprio per risolvere una fastidiosa prostatite che lo ha tormentato per mesi e mesi.

Dopo aver constatato che con i farmaci non otteneva alcun risultato, prese la decisione di provare con "rimedi alternativi".

Girovagando per la rete trovò diverse informazioni su questo famoso epilobio. Si trattava di un rimedio naturale e senza apparenti controindicazioni.

Quindi perché non provare?

Decise allora di fare un tentativo. Te la faccio breve: bevendo regolarmente 2 tisane di epilobio parviflorum al giorno, in sole 2 settimane, è riuscito a debellare completamente la sua infiammazione alla prostata.

Sapendo che mi occupavo della coltivazione di "strane" piante officinali, Andrea ebbe la brillante idea di venirmi a trovare e di raccontarmi la sua storia.

E quel giorno mi inviò anche questo video che voglio condividere con te. Guardalo bene, per me è stato davvero illuminante!

Il protagonista dell'intervista si chiama Josep Pàmies.

E' un agricoltore spagnolo che da anni, insieme ad altri volontari, manda avanti un'associazione no-profit ribattezzata la “Dulce Revolution”.

L'associazione, con sede in Catalogna, gestisce enormi coltivazioni di piante officinali di ogni tipo, provenienti da ogni parte del Globo. E tra queste c'è anche l'epilobio.

Il loro obiettivo (che è poi quello che mi pongo anch'io) è di informare la gente sull'uso medicinale di queste piante, anche per il trattamento di patologie difficili o a volte impossibili da curare anche per la medicina tradizionale.

L'associazione inoltre raccoglie e condivide le testimonianze di chi, di volta in volta, ottiene risultati dall'uso di queste piante.

Se ti interessa molte di queste testimonianze sono pubblicate in spagnolo sul sito: https://dolcarevolucio.cat/language/es/portada/

Non posso che ammirare il coraggio con cui Josep si occupa di questo tema “scottante”, rilasciando quotidianamente interviste dove spesso e volentieri fa affermazioni anche un po' spinte, specialmente nei confronti dell'industria farmaceutica e delle aziende americane che producono sementi OGM (tipo la Monsanto).

Ti invito a guardare anche questo video per capire cosa intendo.

3. Proprietà e benefici dell'Epilobio

Principali costituenti:

  • Tannini e composti correlati (4-14%): ad es. oenothein B, oenothein A, tri-, tetra- e penta-O-galloylglucose
  • Flavonoidi (1-2%): kaempferol, quercetina, miricetolo, ecc.
  • Acidi fenolici e loro derivati: acido ellagico, dilattone di acido valoneico, acido clorogenico, acido neoclorogenico, acidi cumarinolchinici, acidi feruloilchinici, acido gallico, acido cinnamico, acido protocatecuico, acido caffeico, acido ferulico, ecc.
  • Steroidi (circa 0,4%) e triterpeni (circa 1,5%): ad esempio colesterolo, campesterolo, stigmasterolo, β-sitosterolo, acido ursolico, acido corosolico, acido oleanolico
  • Altri componenti: ad esempio acido linoleico, acido palmitico, acido stearico, acido eicosenoico, acido behenico, acido arachidico.

Come agisce

epilobio parviflorum
fiore di Epilobio parviflorum

L'epilobio è conosciuto ed impiegato da anni nella medicina popolare, nel trattamento di disturbi tipici dell'uomo, come la prostatite, l'ipertrofia prostatica benigna e tutti i disturbi della minzione ad essi associati.

E' inoltre molto efficace nel ridurre gli stati infiammatori delle vie urinarie, come le cistiti e le uretriti.

L'acido gallico, i bioflavonoidi e il miricetolo-3-0-beta-D-glucuronide, tutti principi attivi naturalmente contenuti nella pianta dell'epilobio, esercitano una potente azione antiedemica ed antinfiammatoria sulla prostata e su tutto il tratto urinario, con una spiccata azione inibitrice sulle prostaglandine.

“Cosa sono le prostraglandine?

Le prostaglandine sono delle sostanze simili ad ormoni, naturalmente presenti nel corpo umano, derivate dagli acidi grassi essenziali linoleico e linolenico, composte da 20 atomi di carbonio, che rappresentano la chiave di numerose funzioni biologiche.

Esse svolgono un ruolo importantissimo nella regolazione dei processi infiammatori, aumentano la sensibilità del corpo umano al dolore e alla temperatura corporea.

Inibire le prostaglandine, significa in parole semplici, ridurre la percezione del dolore e stimolare l'organismo a produrre endorfine (sostanze simili ad oppioidi dotate di proprietà analgesica) e ridurre l'infiammazione.

L'epilobio contiene inoltre un'alta percentuale di tannini.

Due di questi tannini, la enoteina A e B, sono stati identificati in diversi studi scientifici, come i principali componenti responsabili della inibizione della 5-alfa-reduttasi e dell’aromatasi, enzimi che si reputa giochino un ruolo chiave nelle patologie della prostata, compreso il cancro alla prostata.

Gli studi preliminari in vitro presso il Centro della Prostata di Vancouver hanno mostrato che concentrazioni molto basse di un estratto di Epilobio Parviflorum, a livello di microgrammi per ml, sono risultate tra i principi più attivi più efficaci contro lo sviluppo di cellule anomale e il conseguente ingrossamento della prostata.

Ricapitolando: per quali disturbi è utile l'epilobio?

Per i motivi appena elencati, l'epilobio risulta particolarmente efficace in caso di:

  • difficoltà ad urinare;
  • sensazione di dolore/bruciore mentre si urina;
  • sensazione che la vescica non si sia svuotata del tutto;
  • l'esigenza di andare più volte in bagno durante la notte;
  • calo del desiderio sessuale (dovuto al dolore);
  • e in alcuni casi più rari, impotenza.

Poiché contiene tannini, l'epilobio è utile anche in caso di emorragie interne di varia natura, come ulcere gastriche, emorroidi sanguinanti o nel caso di un ciclo mestruale eccessivamente abbondante.

Sempre per l'alta presenza di tannini, ha anche un'efficace azione antidiarroica, per cui l'epilobio, specie se in associazione con l'ortica, è molto utile per bloccare i casi di diarrea.

4. Dove raccogliere l'epilobio parviflorum e come distinguerla dall'angustifolium

Prima del dove è importante il quando.

L'epilobio si raccoglie solo ed esclusivamente in un periodo preciso dell'anno, che corrisponde al periodo della fioritura, ovvero in piena estate, tra luglio e settembre.

La fioritura corrisponde al periodo balsamico della pianta, ovvero il momento in cui l'epilobio sviluppa al massimo i suoi principi attivi.

Cosa raccogliere?

Dell'epilobio si raccoglie tutto: il fusto, le foglie e i fiori.

Dove cresce la pianta?

L'epilobio angustifolium (che non va raccolta) cresce per lo più in alta montagna, nei pascoli, nelle praterie o nella vicinanza di fiumi e torrenti.

L'epilobio parviflorum cresce in quasi tutta Italia, anche a bassa quota fino a 1.400 m d'altitudine. E' una pianta che ama i luoghi umidi e che si sviluppa prevalentemente lungo le rive dei fiumi, dei fossi e dei torrenti.

Come distinguere le due piante?

Nel periodo della fioritura queste due varietà di epilobio si distinguono con facilità.

L'epilobium angustifolium è una pianta che può raggiungere e superare il metro e mezzo d'altezza e che si riconosce subito dai vistosi fiori a forma di calice, di un color fucsia acceso.

Osservando i fiori da lontano sembra quasi di ammirare un mare tinto di rosa. Un vero e proprio spettacolo per gli occhi!

L'epilobium parviflorum si presenta come una piccola piantina che in genere non supera i 60-70 cm d'altezza. Le foglie sono più strette e i fiori sono davvero minuscoli, di un colore molto tenue tra il rosa e il violetto.

In sostanza sono due piante completamente diverse, è praticamente impossibile confondersi. Qui sotto trovi due foto che ti aiuteranno ulteriormente nel riconoscimento.

In ordine prima l'epilobio parviflorum, poi l'angustifolium:

prostatite epilobium parviflorum angustifolium epilobium

5. Controindicazioni

L'epilobio è un rimedio ben tollerato e non presenta particolari controindicazioni.

Tuttavia si consiglia di non utilizzarlo in gravidanza, o durante l'allattamento .

Infine è controindicato in caso di ipersensibilità accertata nei confronti della pianta.

6. Come usare l'Epilobio

Il metodo classico di utilizzo dell'epilobio è come tisana ed è il metodo che consiglia anche Maria Treben.

Nel periodo estivo, se ne hai la possibilità, puoi preparare la tisana con la pianta fresca, oppure puoi utilizzare la pianta essicata.

In entrambi i casi si utilizza tutta la parte aerea della pianta: foglie, fiori e fusto.

Per preparare la tisana aggiungi un cucchiaino di epilobio essiccato (2 cucchiani se utilizzi la pianta fresca) ad una tazza d'acqua calda, quasi bollente (circa 250 ml).

Lascia in infusione per circa 8-10 minuti e poi filtra.

È preferibile bere 2 tazze al giorno, la prima al mattino a digiuno, la seconda mezz’ora prima di andare a letto.

Per quanto tempo va assunta la tisana?

Almeno finché non spariscono completamente i sintomi.

7. Dove acquistare l'epilobio parviflorum

Puoi acquistare la tisana di epilobio parviflorum direttamente dalla mia azienda agricola.

E' una pianta che coltiviamo in aperta campagna, tra le colline di Fermo, nelle Marche, con metodi assolutamente naturali, senza l'uso di diserbanti, pesticidi, erbicidi o di concimi chimici.

La raccolta dell'epilobio viene poi effettuata tra luglio ed agosto.

I fiori e le foglie vengono fatti essiccare in modo naturale, all'ombra e in zona costantemente arieggiata, per evitare la formazione di muffe.

Infine la pianta essiccata viene triturata finemente ed imbustata.

Non ci sono mezzi di intermediazione. Dalla terra il prodotto arriva direttamente a casa tua, puro e naturale come madre terra l'ha fatto.

Se ti interessa, puoi ordinare la tisana di epilobio direttamente dal nostro sitoweb, cliccando qui: https://www.erbedimauro.it/it/tisane-erbe-officinali-aromatiche/80-epilobio-parviflorum-tisana-100.html

tisana di epilobio

8. Altri rimedi per la prostata

Ai fini di potenziare gli effetti curativi dell'epilobio, alla terapia è possibile associare altri rimedi naturali altrettanto efficaci, come ad esempio:
  • Succo di Aloe Arborescens.
    All'inizio di questo articolo ti ho parlato dell'Aloe Arborescens. L'Aloe è una pianta che agisce a 360° su tutto l'organismo, depurandolo in profondità e stimolando le difese immunitarie, cosa che giova molto soprattutto in presenza di infezioni, o di patologie tumorali. Ha inoltre anche una spiccata azione antinfiammatoria, che si aggiungerebbe a quella dell'epilobio.
  • Tisana di Ortica.
    l'ortica è utile soprattutto nel caso dell'ipertrofia prostatica benigna, perché aiuta a ridurre le dimensioni della prostata, facilitando di conseguenza la minzione. Si possono usare sia le foglie, che la radice. Almeno una tazza al giorno di questa tisana
  • Polline di Api.
    Esistono diversi studi che confermano come il consumo di polline d’api sia efficace nel combattere la prostatite e l’ipertrofia prostatica, in quanto ridurrebbe il dolore e l’infiammazione, inibendo la proliferazione del tessuto prostatico. Consigliato almeno 1 cucchiaino al giorno.

Prodotti correlati:

succo di aloe ricetta classica tisana epilobio parviflorum polline api tisana ortica

NB: Tutte le informazioni pubblicate su questo sito hanno carattere divulgativo e non devono essere considerate come consulenze, o prescrizioni mediche, o di altra natura.
mauro erbedimauro

Mauro Vallesi, agricoltore

Affascinato dalle molte proprietà benefiche e curative di queste piante e dopo averle utilizzate a lungo, oggi, con l’aiuto della mia famiglia, coltivo con passione Aloe Arborescens, Aloe Vera e molte altre piante aromatiche e officinali. La mia filosofia è semplice, è quella di offrire un’altissima qualità delle materie prime e utilizzare lavorazioni esclusivamente artigianali per produrre i miei prodotti. Regole apparentemente semplici, che servono ad ottenere il massimo dalle mie piante e dai miei prodotti.