Proprietà dell'Artemisia annua: da speranza contro la Malaria a pianta proibita

Pubblicato : 22/09/2020 16:38:08
Categorie : Erbe della salute

artemisia annua proprietà

L’Artemisia annua, conosciuta anche come “Assenzio dolce”, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae, originaria della provincia di Hunan in Cina. Si tratta di una pianta che nell’antica Cina veniva già impiegata da più di 2.000 anni, sia per la prevenzione che per il trattamento di numerose patologie, tra cui:

  • infezioni virali,
  • influenza,
  • febbre,
  • parassiti intestinali,
  • mancanza di appetito,
  • difficoltà digestive,
  • mestruazioni scarse o assenti,
  • malaria.

artemisia annua essiccata

Parlando di malaria, è una pianta che oggi, nel bene e nel male, fa molto discutere: definita nel 2001 dall’OMS “la più grande speranza per la cura della malaria“, a partire dal 2012 è stata messa al bando dalla stessa OMS e in seguito ne è stata proibita la commercializzazione in molti paesi, tra cui Francia e Belgio.

Eppure in molte zone dell'Africa, non hanno mai smesso di utilizzarla.

Tra questi vi è il Madagascar, dove l’Artemisia annua non soltanto viene impiegata per la cura della malaria, ma anche per un’altra piaga che continua a dilagare in tutto il Mondo: Il Covid-19.

Il 21 Aprile 2020, per mezzo di un comunicato stampa, il presidente del Madagascar, Andry Rajoelina, ha lanciato ufficialmente un farmaco che ritiene possa prevenire e curare l’infezione da Covid-19. Sviluppata dal Malagasy Institute of Applied Research e marchiata COVID Organics, la presunta nuova cura contine proprio Artemisia annua.

Inizialmente in molti erano convinti che si trattasse solamente di un enorme che bufala, ma recentemente è stato pubblicato un nuovo studio, che sembra proprio confermare l'attività antivirale di questa pianta.

E non è tutto, l’Artemisia annua sempra promettere bene anche in campo oncologico.

In in recenti studi (1, 2) l'Artemisia annua e alcuni dei suoi derivati, tra cui l'artemisinina, hanno mostrato interessanti e promettenti attività antitumorali.

A breve parlaremo anche di questo, ma andiamo con ordine iniziando a parlare dell'Artemisia per il trattamento della malaria.

L’Artemisia annua è davvero efficace contro la Malaria?

Nell’arco dei secoli, nelle province meridionali della Cina, l’Artemisia annua è stata più e più volte impiegata con successo per la cura della malaria.

Nella guerra in Vietnam

Nella storia recente questa pianta è stata utilizzata per la cura della malaria dai soldati Việt Cộng, durante la guerra del Vietnam (1959-1975).

Mentre i soldati americani ugualmente colpiti dalla malattia, utilizzarono un trattamento alla meflochina, noto con il nome commerciale di Lariam®, meno efficace dell’Artemisia e non privo di preoccupanti effetti collaterali neuropsicologici: incubi, perdita di memoria, paranoia, depressione e pensieri suicidi.

Una scoperta che vale il premio Nobel per la medicina

artemisia malaria africa

Nel 2015 la dott.ssa Tu Youyou è la dodicesima donna e primo medico cinese ad aggiudicarsi il Nobel per la Medicina; ma, soprattutto, la prima ad averlo fatto con una ricerca che affonda le radici nella medicina tradizionale cinese.

Youyou Tu, ricercatrice 84enne è stata infatti premiata per le sue ricerche sull’artemisinina, principio attivo anti-malarico estratto dall’Artemisia annua.

Grazie a questa importantissima scoperta oggi l’Artemisia e il suo principio attivo, l’artemisinina, vengono impiegati in molte zone del Mondo per la cura della malaria. Eppure….

Le contraddizioni dell’OMS

Nel 2001, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) aveva dichiarato: “l’Artemisia annua rappersenta più grande speranza del mondo contro la malaria”.

Nel 2012 i membri dell’OMS sembrano però aver cambiato idea ed iniziano a sconsigliarne l’utilizzo, in quanto a loro giudizio, non ci sono sufficienti studi che ne dimostrino la sicurezza. Sulla scia di tali raccomandazioni paesi come Francia e Belgio arrivano addirittura a proibirne la commercializzazione.

Nel mentre, nella lotta alla Malaria si continuano ad impiegare farmaci con pesanti effetti collaterali, come appunto il Lariam®.

Come mai queste contraddizioni? Ci sono interessi economici in ballo che valgono più della vita delle persone?

Di questo argomento spinoso parla il dott. Jérôme Munyangi, ex membro OMS e oggi in prima linea nella lotta alla malaria insieme a alla ONG francese “La Maison De L’artemisia”! Trovate qui la sua intervista tradotta in italiano: Clicca qui per leggerla.

Artemisia annua e COVID19

presidente madagascar artemisia

Ne avevamo discusso a fine Aprile, quando il presidente del Madagascar aveva dichiarato “Cureremo il coronavirus con un rimedio a base di piante coltivate in Madagascar.” Uno degli ingredienti base di questo rimedio, era appunto l’Artemisia annua.

Da allora non sono trapelate molte notizie, se non uno studio recente, che sembra confermare le proprietà antivirali di questa pianta.

Infatti dopo mesi di analisi, il Max Planck Institute di Potsdam in Germania, ha annunciato che l’estratto di Artemisia annua essiccata ha dimostrato di essere efficace contro il Coronavirus e che presto saranno avviate ulteriori sperimentazioni cliniche negli Stati Uniti e in Messico su pazienti affetti da Covid-19. Per maggiori approfondimenti ti invito alla lettura di questo articolo.

Artemisia annua e Cancro

Sulle presunte proprietà antitumorali dell’Artemisia annua si discute già da diversi anni, ma la ricerca – come sempre accade quando si tratta di prodotti naturali – procede molto a rilento. 

Certezze per ora non ce ne sono, ma ci sono alcuni medici che impiegano già da diversi anni l’Artemisia annua e i suoi estratti, come terapia integrata alle cure oncologiche tradizionali.

Uno di questi medici è il dott. Ivano Ferri Hammamber, memro dell’associazione A.R.T.O.I (Associazione ricerca terapie oncologiche integrate).

In un’intervista di qualche anno fa il dott. Hammamberg, insieme al suo collega, il dott. Andrea Passini, spiega più nel dettaglio le proprietà e l’utilizzo di questa pianta.

Clicca qui per leggere e vedere il video dell’intervista.

Come si usa l'Artemisia annua?

tisana artemisia annua benefici

Per millenni l'Artemisia annua è stata utilizzata nella sua forma naturale, ovvero come polvere, o per la preparazione di tisane. Ancora oggi in molti paesi africani, l'Artemisia viene impiegata in questo modo.

La tisana di Artemisia annua si prepara così: si aggiunge un cucchiaino da caffè di foglie e/o fiori essiccati di Artemisia, ad una tazza d'acqua calda (circa 250 ml). Si lascia in infusione per circa 10 minuti e poi si filtra e si beve.

La nostra coltivazione di Artemisia annua

La nostra azienda agricola coltiva da più di 5 anni l’Artemisia annua.

Così come per tutte le nostre piante, l’Artemisia viene coltivata in modo assolutamente naturale, senza l’impiego di pesticidi, erbicidi, fertilizzanti chimici o altri prodotti che possono danneggiare l’ambiente o chi fa uso dei nostri prodotti.

Una volta raccolta l’Artemisia annua viene impiegata per la realizzazione di essiccati e polveri.

Scopri i nostri prodotti a base di Artemisia annua >>

artemisia annua coltivazione artemisia annua raccolta

NB: Tutte le informazioni pubblicate su questo sito hanno carattere divulgativo e non devono essere considerate come consulenze, o prescrizioni mediche, o di altra natura.
mauro erbedimauro

Mauro Vallesi, agricoltore

Affascinato dalle molte proprietà benefiche e curative di queste piante e dopo averle utilizzate a lungo, oggi, con l’aiuto della mia famiglia, coltivo con passione Aloe Arborescens, Aloe Vera e molte altre piante aromatiche e officinali. La mia filosofia è semplice, è quella di offrire un’altissima qualità delle materie prime e utilizzare lavorazioni esclusivamente artigianali per produrre i miei prodotti. Regole apparentemente semplici, che servono ad ottenere il massimo dalle mie piante e dai miei prodotti.